fbpx

Reset Password

Your search results

La Trìa di casa mia – Lezione di cucina e degustazione

, ,
Vignacastrisi, Puglia, Salento
|
Shared Experience
, |
Enogastronomia, SITExperience
15 Persone|0 Camere da letto|0 Bagni
Verifica Disponibilità

Descrizione

Domenica 10 marzo vi accompagneremo in un viaggio nel passato contadino, quando nelle terre del Salento i nipoti osservavano le nonne preparare la pasta con i ceci, la “ciceri e trìa”.
Prendete la vostra valigia virtuale e seguiteci!

Cos’è
In questo laboratorio impariamo a preparare la “trìa”, la pasta fatta in casa che, tagliata a striscioline e accompagnata da ceci, ortaggi e “odori” della nostra terra, è appunto la base della squisita “ciceri e trìa”.
A guidare il gruppo nella preparazione di questo gustosissimo piatto ci sarà la Cuoca itinerante salentina Alessandra Ferramosca, che ci insegnerà a condire la trìa sia nel modo tradizionale, sia con alcune varianti innovative. Concluderemo il pomeriggio gustando il risultato delle nostre fatiche insieme a un bicchiere di buon vino.
Il laboratorio è ospitato dall’Agriturismo “L’Aia di San Giorgio” di Vignacastrisi: un’oasi di pace tra gli ulivi, la cornice perfetta per questo tuffo nel passato culinario salentino.

Vi diciamo di più
– Questo piatto tradizionale del Salento è conosciuto con diversi nomi: “massa e ciceri”, “massa di San Giuseppe”, “ciceri e trìa”, e ne esistono svariate versioni, che cambiano da paese a paese (con frutti di mare a Sava, con i broccoli a Otranto, con il cipollotto a Brindisi…)
– “Trìa” è un termine che si usa anche in Sicilia e deriva dalla parola araba “itriyah” che significa pasta secca.
– Il consumo di questo piatto assume un valore rituale durante le celebrazioni della Festa di San Giuseppe, quando in molti comuni del Salento (un tempo per offrire un pasto ai poveri, oggi per tradizione religiosa) si approntano delle grandi tavolate in cui questa preparazione è una delle portate principali. Da qui il nome “massa di S. Giuseppe”.
– La ciceri e trìa è la ricetta più antica legata alla tradizione gastronomica Salentina, un vero e proprio esempio di archeologia gastronomica. Pare infatti che il poeta latino Orazio si riferisse a questa ricetta quando nelle sue Satire descriveva appassionatamente una minestra di ceci, cipolla e lagano (un tipo di tagliatella).

Giovane Cuoca itinerante salentina e Food Blogger, impegnata nella comunicazione “gastronomica” dei piatti di questa magica parte d’Italia che sorge tra cielo e mare che è il Salento.
Alessandra Ferramosca Sitter
Leggi di più
Costi
Prezzo per persona: € 25
N° minimo di ore: 3
Dove?
Nazione: Italy
Altre info
Property Status: › SITExperience
Property ID: 29819
Cosa è incluso
Cucina
Guida
Degustazione

Disponibilità

Luogo

€ 25 a persona

Prenota ora

Aggiungi ai preferiti
Contact Owner
Condividi
Verified

No agent

See Owner Profile
Contact Owner
  • Hai problemi con la prenotazione? Contattaci!





    + 39 371 34 41 379, Eugenio
    + 39 348 01 79 325, Francesco

x